Il Giardino delle Imprese

®immagini Giardino delle Imprese

Nel gennaio 2014 in Italia la disoccupazione giovanile sfiora il 42.3 per cento. È il più alto tasso registrato da Istat a partire dal 1977, anno d’inizio della raccolta dei dati trimestrali. Nel maggio 2014 il Trust Eureka, nato per volontà della Fondazione Golinelli, presenta Giardino delle imprese: un progetto per valorizzare i talenti migliori delle ragazze e dei ragazzi avvicinandoli alla cultura imprenditoriale, stimolandone la creatività e offrendo loro un’occasione concreta e strutturata per sfidare se stessi mettendosi alla prova e realizzando le proprie idee. L’obiettivo è formare futuri imprenditori: ogni impresa che nasce offre nuova occupazione rinnovando il tessuto produttivo del paese, e ogni nuovo giovane imprenditore è un moltiplicatore di opportunità per tanti altri giovani.


Guarda l’intervista, sul Giardino delle Imprese, fatta dalla dottoressa Paola Perna al Cav. Lav. Marino Golinelli in occasione del Convegno Nazionale della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro svoltosi a Milano lo scorso giugno 2015.


AGENDA/NEWS

GENNAIO 2016


25/01/2016 – La Fondazione Golinelli per Arte Fiera 2016 (29-31 gennaio) Dieci opere tra arte e scienza della collezione Golinelli in mostra a Opificio – Sabato 30 gennaio per la prima volta in Italia il video “The Strife of Love in a Dream” dell’artista Camille Henrot per ART CITY White Night.

Per Arte Fiera 2016 (29-31 gennaio) la Fondazione Golinelli espone dieci opere della collezione di Marino e Paola Golinelli all’interno di Opificio Golinelli, la cittadella per la conoscenza e la cultura inaugurata a Bologna a ottobre 2015 in via Paolo Nanni Costa 14, che per l’occasione farà aperture straordinarie. Arte e Scienza. Un percorso tra opere selezionate dalla Collezione Golinelli è il programma pensato per ART CITY Bologna. In mostra nei 9 mila mq di Opificio opere di artisti di fama internazionale: Loris Cecchini, Alberto Di Fabio, Andrey Gorbunov, Candida Hofer, Joep Van Lieshout, Marcello Maloberti, Lucy e Jorge Orta, Cameron Platter, Ronald Ventura. I lavori in esposizione restituiscono il carattere unico della collezione Golinelli, focalizzata sulla ricerca dei punti di contatto tra la visione scientifica e artistica del mondo contemporaneo e sull’apertura all’arte dei paesi emergenti, asiatici, africani e sud-americani. Un percorso tra opere realizzate tutte nell’ultimo decennio, coerente con l’approccio multidisciplinare e didattico all’arte che la Fondazione propone attraverso le attività dell’area progettuale Arte, Scienza e Conoscenza, soprattutto attraverso le grandi mostre realizzate annualmente, a partire dal 2010. Le mostre della Fondazione Golinelli, curate da Giovanni Carrada e Cristiana Perrella, hanno sviluppato un format, inedito in Italia, che mette in dialogo i risultati delle più recenti ricerche scientifiche con le opere di artisti contemporanei, scelte per la capacità di chiarire, attraverso la loro evidenza visiva, concetti complessi, oppure di suscitare emozioni in grado di trasmettere, rispetto alla scienza, un diverso tipo di conoscenza e di comprensione. Le dieci opere continueranno a essere in mostra a Opificio anche dopo i tre giorni di ART CITY Bologna. Scelte tra i circa 600 lavori della collezione Golinelli, sono di impatto immediato. Diverse tra loro nei linguaggi usati, in parte sono state esposte nelle mostre realizzate finora dalla Fondazione (Cecchini, Di Fabio, Hofer, Maloberti, Orta) e in parte sono presentate al pubblico per la prima volta in questa occasione (Gorbunov, Van Lieshout, Platter, Ventura).

Comunicato Stampa

 18/01/2016 – FONDAZIONE GOLINELLI PARTECIPA AD ART CITY BOLOGNA, DAL 29 AL 31 GENNAIO

Dal 29 al 31 gennaio 2016 la Fondazione Golinelli partecipa al programma di ART CITY Bologna, il week end dedicato all’arte e alla cultura in occasione di Arte Fiera.
Opificio Golinelli espone infatti una selezione di opere della collezione Golinelli fruibili attraverso un percorso di arte e scienza, a cura di Cristiana Perrella e Giovanni Carrada. Venerdì 29 e sabato 30 gennaio, dalle 15 alle 20, ci saranno visite guidate libere a ingresso gratuito a Opificio e alle opere esposte. In occasione di Art White Night, sabato sera (dalle 21 a mezzanotte), si potrà entrare a Opificio fino a esaurimento posti, mentre alle 22 saranno date anticipazioni su “Imprevedibile. Vivere con le macchine intelligenti”, la prossima mostra di arte e scienza in programma fra gennaio e marzo 2017 a Opificio Golinelli e in altri luoghi della città. Conclude la serata un evento speciale a cura di Cristiana Perrella. In programma per domenica 31 gennaio attività interattive tra arte e scienza rivolte a bambini e adulti: dalle 15 alle 19 laboratori su prenotazione cliccando qui, dalle 15 alle 20 ancora visite a Opificio. Inoltre, sempre domenica 31 ma alla Gallery Hall 25-26 di Bologna Fiere, nell’ambito del programma Arte Fiera Conversations 2016,  si terrà il talk Opificio Golinelli tra Arte e Scienza (ore 17.30)L’appuntamento ha l’obiettivo di presentare Opificio Golinelli, la nuova cittadella per la conoscenza e la cultura, e dare anticipazioni sulla prossima mostra di arte e scienza della Fondazione Golinelli che sarà inaugurata nel gennaio 2017 in occasione di Arte Fiera. Gradita conferma di partecipazione a segreteriagenerale@fondazionegolinelli.it.


DICEMBRE 2015

dicembre 2015 – bologna: FRUÏTER, JOFRUIT, ADOTREE: 24 MILA EURO AI TRE PROGETTI VINCITORI DEL GIARDINO DELLE IMPRESE.

Bologna, dicembre 2015 – Un’applicazione che consente la localizzazione dei mercati di frutta più vicini al cliente condividendone l’acquisto sui social per ottenere sconti (Fruïter); confezioni giocattolo per la frutta, modulari e impilabili per bambini (Jofruit); una piattaforma web per l’adozione di un albero da frutta di un produttore locale, con possibilità di scegliere il metodo di coltivazione da utilizzare, per poi ricevere il raccolto a giusta maturazione (Adotree).

Leggi l’articolo Intero


novembre 2015

27/11/2015 – Il 27 novembre a Opificio Golinelli la premiazione dei progetti di comunicazione scientifica dei 360 studenti di 69 scuole di tutta Italia realizzati durante la scuola estiva di Scienze in pratica della Fondazione Golinelli.

Dallo studio del glutine a quello del DNA fino all’analisi delle amilasi, enzimi fondamentali per la digestione dei carboidrati complessi e utilizzati nell’industria tessile. Sono alcuni dei percorsi che hanno visto protagonisti 362 studenti delle scuole secondarie di secondo grado arrivati a Bologna da tutta Italia per partecipare alla scuola estiva sulle scienze della vita di Scienze in pratica, area progettuale della Fondazione Golinelli. Scienze in pratica ha lo scopo di accendere nei ragazzi fra i 14 e i 19 anni la passione per le scienze e le tecnologie grazie all’opportunità di fare esperimenti concreti in laboratori dotati delle più moderne strumentazioni scientifiche, allestiti a Opificio Golinelli, la nuova cittadella per la conoscenza e la cultura voluta da Marino Golinelli. I migliori progetti e lavori di comunicazione scientifica prodotti dagli studenti durante la scuola estiva – che si è tenuta fra giugno e luglio 2015 – saranno premiati venerdì 27 novembre, dalle 14 alle 18, all’Opificio Golinelli (via Paolo Nanni Costa, 14).

VAI ALL’ARTICOLO


3/11/2015 – Opificio Golinelli: Vivere  l’invecchiamento, una riflessione multidisciplinare

Un pomeriggio di confronto tra genetisti, filosofi, giuristi, antropologi, psicologi e sociologi. Lectio magistralis di Claudio Franceschi, introdotta da Carla Faralli e Roberto D’Alessandro. Seguiranno interventi di Marco Veglia, Stefano Canestrari, Rabih Chattat, Guido Giarelli, Marina Lalatta Costerbosa, Ivo Quaranta. Chiude l’assessore regionale alle politiche per la Salute Sergio Venturi. A cura del Gruppo di studio Scienze Umane e Salute  del CIRSFID (Centro interdipartimentale di ricerca in storia del diritto, filosofia e sociologia del diritto e informatica giuridica, Università di Bologna). QUÌ tutte le informazioni e QUÌ il Programma.


 03/10/2015 – INAUGURATO L’OPIFICIO GOLINELLI

Sabato 3 ottobre 2015 è stato inaugurato l’Opificio Golinelli, la nuova cittadella per la cultura e la conoscenza della Fondazione Golinelli a Bologna. Il progetto nasce da un’idea dell’imprenditore e filantropo Marino Golinelli che, 27 anni fa, ha dato vita alla Fondazione che porta il suo nome. Opificio Golinelli – 9mila mq, sorto in due anni con un investimento di 12 milioni di euro – è per la Fondazione Golinelli un nuovo inizio. Dopo aver già investito nella Fondazione 51 milioni di euro, Marino Golinelli metterà a disposizione altri 30 milioni di euro per sostenere nei prossimi anni il progetto Opus 2065 col quale intende rafforzare la missione etica della Fondazione. Tre gli obiettivi di Opus 2065: lo sviluppo di nuove forme altamente innovative di formazione dei giovani e degli insegnanti; un centro di ricerca su campi futuribili del sapere; un fondo per il supporto di nuove attività imprenditoriali.

COLLEGATI ALL’ARTICOLO PER SCARICARE PIU CONTENUTI


17/09/2015 – “Gradi di libertà: dove e come nasce la nostra possibilità di essere liberi”

Mostra di Arte e Scienza della Fondazione Golinelli – Istituzione Bologna Musei – Museo d’Arte Moderna MAMbo

Liberi si nasce o si diventa? La libertà finisce dove iniziano i diritti degli altri o dove decide il nostro cervello? Quali sono i limiti della nostra libertà? Siamo sempre noi a decidere? Di che libertà avremo bisognofra cento anni? Sono tanti gli interrogativi affrontati dalla mostra di arte e scienza Gradi di libertà: dove e come nasce la nostra possibilità di essere liberi. Progettata da Giovanni Carrada, con la collaborazione scientifica di Gilberto Corbellini, ideata e prodotta dalla Fondazione Golinelli, è curata da Giovanni Carrada per la parte scientifica e da Cristiana Perrella per quella artistica e realizzata in collaborazione con l’Istituzione Bologna Musei | MAMbo che ospita dal 18/09/2015 al 22/11/2015.

+ LEGGI L’ARTICOLO DI APPROFONDIMENTO


 

29/06/2015 – Giardino delle imprese: al via il 29 giugno la seconda edizione

In collaborazione con il Comune di Bologna, Unindustria Bologna e H-Farm di Treviso. Nato per insegnare la cultura d’impresa, dal 29 giugno vedrà al lavoro 60 ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado alle Serre dei Giardini Margherita di Bologna, nuovo polo metropolitano per l’innovazione e la sensibilizzazione alla cultura imprenditoriale. I ragazzi dovranno sviluppare un’idea progettuale innovativa per migliorare la filiera produttiva della frutta in Emilia-Romagna.

QUÌ IL COMUNICATO STAMPA UFFICIALE

 


04/06/2015 – ecco il programma delle attività della fondazione golinelli alle serre dei giardini margherita di bologna

La meravigliosa vita delle farfalle (6 giugno) – Summer Science: campo estivo su temi scientifici (8-12 giugno) – Le domeniche dei piccoli: i primi passi alla scoperta del mondo scientifico nell’ambito di Kilowatt Summer (14 giugno, 12 luglio) – I pomeriggi da scienziato: esperimenti all’aperto per imparare e mettersi alla prova nell’ambito di Kilowatt Summer (17 giugno, 24 giugno, 6 luglio, 13 luglio) – Il Giardino delle imprese (29 giugno-10 luglio, 24 agosto-28 agosto) – Clicca sull’immagine per scaricare il programma in dettaglio

 


APRILE 2015

27/04/2015 – BIODIVERTITI, LA VARIETA’ DELLA NATURA A SCUOLA DELLE IDEE

Abiti da mangiare in mostra, laboratori scientifici con frutta e verdura, viaggi nel planetario digitale, l’identikit dell’alieno e un video con clip di film sul cibo – Bologna, 27 aprile –  29 maggio 2015

Abiti ai mirtilli rossi  e fette di salame, laboratori scientifici con semi, cereali, farine e mele per scoprirne le diverse varietà, un viaggio dentro il planetario alla scoperta di altre forme di vita sui pianeti con il gioco “Identikit dell’alieno”, video con spezzoni di film sul cibo. La Fondazione Golinelli di Bologna partecipa a “di Piazza in Piazza” (6-29 maggio), manifestazione realizzata dall’Università di Bologna sui temi di EXPO2015, con l’iniziativa “Biodivertiti” che ha in programma due settimane di laboratori scientifici e attività educative per le scuole (nidi, scuole dell’infanzia, primarie, secondarie I grado,  27 aprile – 8 maggio) e alcuni appuntamenti aperti al pubblico a Scuola delle idee sotto il voltone del Podestà (9 e 16 maggio). Tutti gli eventi di “Biodivertiti” hanno per tema la biodiversità. Pensato per le scuole e per le famiglie, come tappa di avvicinamento a EXPO2015, “Biodivertiti” esplorerà la ricchezza e la diversità del mondo, farà scoprire la bellezza e la variabilità della natura,  promuoverà l’attenzione e il rispetto per l’ambiente e per gli altri essere umani. All’interno della manifestazione “di Piazza in Piazza”, gli spazi di Scuola delle idee ospiteranno l’installazione “Moda da mangiare”, una collezione di abiti-scultura di Roberta De Vita, neodiplomata al biennio di Fashion Design dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.  I due manichini esposti indossano abiti realizzati con prodotti alimentari le cui qualità specifiche hanno subito un processo naturale di stabilizzazione ed essiccazione: presentano texture di fette di salame, biscotti, mirtilli rossi, completati da accessori appetitosi, shopper di pane e pochette di croissant. Gli abiti di “Moda da mangiare” appartengono alla collezione 2013, nata per dimostrare che il cibo, spesso consumato in maniera compulsiva, appaga l’occhio saziando la mente e vestendo il corpo. QUÌ il calendario degli eventi


18/04/2015 – LE ORE PICCOLE A SCUOLA DELLE IDEE

Ultimo appuntamento con gli elettrodomestici riciclati da suonare: non buttate via niente, anzi suonatelo.

Ultimo appuntamento del ciclo “Le ore piccole”, il nuovo progetto per bambini, ragazzi e famigli pensato dalla Fondazione Golinelli di Bologna a Scuola delle idee. Lo spazio di 2mila mq sotto il Voltone del Podestà (piazza re Enzo, 1/n), dedicato alla promozione della creatività dei bambini dai 18 mesi ai 13 anni, aprirà sabato 18 aprile, dalle 19 alle 21.30, per una serata all’insegna della creatività e della musica con la band Riciclato Circo  Musicale, il cui slogan è “Non buttate via niente, anzi suonatelo”. Sabato 18 aprile – Circo musicale con Riciclato Circo Musicale. Alle 18.30 English Sound Lab, laboratorio musicale in lingua inglese per bambini dai 6 anni ai 10 anni, organizzato da Apple Tree School. Seguirà il laboratorio di creazione di strumenti musicali a partire da materiali di riciclo (dai 6 anni). Dopo una merenda per i più piccoli, alle 20.15, si terrà il concerto “elettrodomestica tour” della band Riciclato Circo Musicale con gli strumenti costruiti da materiali di recupero e oggetti di uso quotidiano. Il Riciclato Circo Musicale è una band marchigiana, nata nel 2006. Quattro musicisti da sempre impegnati nella ricerca sonora sperimentale. Riciclato Circo Musicale utilizza infatti materiali di recupero, oggetti d’uso comune e rottami, trovati in casa, in cantina o nelle discariche: con essi costruisce strumenti di ogni tipo. Usa anche elettrodomestici come phon e frullatori dai quali ricava strumenti dai nomi bizzarri: il controbarattolo, basso elettrico costruito con un bidone dell’acido, il vignarolophon, phon che suona con un effetto da sintetizzatore, il barattolerio, cinbalon realizzato con manici di scopa e corde d’acciaio.

Informazioni: www.fondazionegolinelli.it  http://www.riciclatocircomusicale.it/ 
Prenotazione obbligatoria: www.scuoladelleidee.it, 051.19936110.

02/04/2015 – PER INSEGNARE AI GIOVANI LA CULTURA IMPRENDITORIALE

Scade il 15 aprile 2015 il termine per l’iscrizione al bando per 60 studenti delle scuole secondarie di secondo grado. Al via il 29 giugno a Bologna sul tema dell’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese del settore alimentare.

 

Scade il 15 aprile il termine per l’iscrizione alla seconda edizione del Giardino delle imprese, progetto di Trust Eureka, ideato e creato dalla Fondazione Golinelli di Bologna in collaborazione con il Comune di Bologna e H-Farm, che per quest’anno si avvale anche della collaborazione di Unindustria Bologna, per insegnare la cultura d’impresa in un ambiente informale, coinvolgendo i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado in un nuovo percorso educativo. Al via il 29 giugno 2015 alle Serre dei Giardino Margherita di Bologna, coinvolgerà 60 ragazzi del III e del IV anno delle scuole secondarie di secondo grado italiane per sviluppare nuove idee a supporto dell’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese del settore alimentare italiano. L’obiettivo sarà quello di ideare e creare innovativi sistemi di confezionamento, marketing, distribuzione e vendita attraverso lo sviluppo di nuovi prototipi, strumenti e soluzioni che possano valorizzare il “Made in Italy”. SCARICA QUÌ IL BANDO PER STUDENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO – EDIZIONE 2015-2016


18/03/2015 – La Fondazione Golinelli di Bologna partecipa al Global Entrepreneurship Congress 2015 (GEC)

La Fondazione Golinelli di Bologna partecipa al Global Entrepreneurship Congress 2015 (GEC), evento internazionale dedicato all’imprenditorialità a sostegno dei mercati e dell’intrapresa cui prenderà parte il gotha del mondo economico, sociale, politico e culturale mondiale. GEC 2015 apre le porte degli stati generali dell’imprenditorialità del mondo nella Milano dell’Expo, dal 16 al 19 marzo al Milano Congressi (piazzale Carlo Magno 1). In particolare, mercoledì 18 marzo alle 11.30, la Fondazione Golinelli è tra i promotori del convegno sul ruolo delle fondazioni private nella promozione dell’imprenditorialità e il loro rapporto con il pubblico quale leva di sviluppo economico e creazione di valore per i territori. Interverranno:  Antonio Danieli, direttore generale Fondazione Golinelli; Dane Stangler, vice president of Research & Policy Fondazione Kauffman; Andrew Devenport, Fondazione YBI; Hang Ho, Fondazione JPMorgan Chase; Stefano Firpo, Ministero italiano dello Sviluppo economico; Alessandro Fusacchia, MIUR. Il convegno sarà un confronto tra fondazioni e realtà internazionali che operano nell’ambito dell’educazione e della promozione del sapere imprenditoriale e scientifico, per condividere esperienze, risultati e best practices di successo. Inoltre, da martedì 17 a giovedì 19 marzola Fondazione Golinelli allestisce un’area laboratorio in cui le classi delle scuole potranno svolgere gratuitamente un’attività interattiva con la guida di due tutor esperti. Si tratta di laboratori hands-on di tecnologia applicata grazie ai quali bambini e ragazzi potranno affrontare problemi concreti, lavorando in gruppo, per trovare possibili soluzioni e approfondire alcuni importanti fenomeni scientifici. QUì IL COMUNICATO STAMPA.

L’ingresso al pubblico è gratuito, previa registrazione sul sito www.gec.co. – Info: www.fondazionegolinelli.it – Link al convegno 18 marzo: http://www.gec.co/foundations%E2%80%99-role-promoting-entrepreneurship


11/03/2015 – FAMELAB BOLOGNA 2015, L’X FACTOR DELLA SCIENZA

Mercoledì 11 marzo ore 19 – Istituto Nazionale di Astrofisica e Fondazione Golinelli portano sul palco de La Scuderia l’X Factor scientifico. La finale nazionale il 9 maggio a Milano per EXPO 2015.

Si può spiegare in modo semplice un argomento scientifico in appena 3 minuti? E illustrarlo da un palco con il solo uso della propria voce a un pubblico non specializzato? Scienziati, giovani ricercatori e studenti universitari dotati di Xfactor scientifico e di età compresa tra i 18 e i 40 anni potranno partecipare a FameLab Italia, la cui selezione bolognese si terrà mercoledì 11 marzo 2015, alle 19, a La Scuderia (Piazza Verdi, 2). QUÌ IL COMUNICATO STAMPA DELLA MANIFESTAZIONE

 


GENNAIO 2015

22/01/2015 – “NEL 2015 ALLA FONDAZIONE GOLINELLI NON DORMIREMO MAI”

La Fondazione Golinelli partecipa alla 39^ edizione di Arte Fiera con il plastico di Opificio Golinelli, il centro per la conoscenza e la cultura che inaugurerà a fine giugno a Bologna. Il plastico di 200x200cm, realizzato da diverserighestudio, è collocato all’interno di uno stand completamente dedicato alla Fondazione che fin dal 1988 promuove l’educazione, la formazione e la diffusione della cultura scientifica. Il pubblico che visiterà lo stand sarà accolto dallo slogan: Nel 2015 alla Fondazione Golinelli non dormiremo mai. A testimonianza di come questo anno sia decisivo per lo sviluppo futuro delle attività della Fondazione. “L’arte contemporanea ci supporta nella conoscenza del mondo e sollecita il nostro spirito critico e creativo per affrontare un futuro carico di imprevedibilità e caos”, dice Marino Golinelli, fondatore e presidente della Fondazione. “Con l’apertura di Opificio Golinelli – aggiunge – si realizza il mio sogno di investire nel futuro di tutti: un’iniziativa concreta per prepararsi a vivere in un mondo diverso”. APPROFONDISCI


 

24/01/2015 – “Mettersi in gioco con l’arte”

SCUOLA DELLE IDEE PARTECIPA AD ARTEFIERA CON DUE LABORATORI

Scuola delle idee della Fondazione Golinelli, lo spazio di 2mila mq sotto il Voltone del Podestà (piazza re Enzo, 1/n) dedicato alla promozione della creatività dei bambini dai 18 mesi ai 13 anni, partecipa con due laboratori alle giornate di Artefiera dedicati allo sviluppo delle capacità artistiche e creative dei più piccoli. “Mettersi in gioco con l’arte” è il titolo del pomeriggio che prevede due attività per bambini. Ore 15.30 (7-9 anni) e 17 (4-6 anni) Un insolito collage: partendo da quadri di paesaggi più o meno famosi, i piccoli artisti dovranno scomporre le immagini e con carta, colle e colori ricomporre un’opera d’arte. Ore 17 (da 9 anni) Dal Morse al bit!: il computer, i cellulari, la tv satellitare utilizzano il codice binario per consentire la comunicazione. Ma cos’è e come funziona? Per capirlo comporremo un’installazione piena di colori. Informazioni e prenotazioni: www.scuoladelleidee.itinfo@scuoladelleidee.it, 051.19936110.


07/01/2015 – “DARE CORPO AL CORPO”

Bologna, gennaio 2015. 12 appuntamenti per bambini su corporeità e movimento da gennaio a marzo: Salire, scendere, rotolarsi, tuffarsi, perdere l’equilibrio, costruire tane, sperimentare nuovi movimenti. Il progetto “Dare corpo al corpo” promosso da Scuola delle idee della Fondazione Golinelli di Bologna, finora offerto solo alle scuole, propone ora anche al pubblico situazioni e opportunità per fare accrescere nei bambini dai 18 mesi ai 6 anni la loro naturale propensione all’esplorazione e alla sperimentazione attraverso il gioco. “Dare corpo al corpo” interviene su spazi e materiali in modo creativo, valorizza il desiderio di scoperta della verticalità, modifica la percezione dei propri confini corporei, mette alla prova le proprie capacità, accompagna nell’acquisizione di conoscenze attraverso prove ed errori. In un mondo adulto che tende a privilegiare anche per i bambini sedentarietà e sicurezza limitando le possibilità di esperienza diretta, il progetto valorizza la via percettiva e motoria come strumento di conoscenza. QUÌ il Comunicato Stampa con il calendario degli “Appuntamenti”


DICEMBRE 2014

06/12/2014 – NATALE A SCUOLA DELLE IDEE

Bologna, dicembre 2014. Esperimenti e scoperte con alberi e cortecce, proiezioni di corti fantascientifici, preparazione di regali da mettere sotto l’albero, una festa con Babbo Natale e una con la Befana, fra letture animate, laboratori e merende: un mese esatto di scienza a colori, dal 6 dicembre al 6 gennaio. È ricco il programma natalizio di Scuola delle idee della Fondazione Golinelli, lo spazio di 2mila metri quadri sotto il Voltone del Podestà (piazza re Enzo, 1/n) dedicato alla promozione della creatività dei bambini dai 18 mesi ai 13 anni. QUÌ il programma della giornate 6, 13 e 20 dicembre 2014 e del 6 gennaio 2015.


NOVEMBRE 2014

28/11/2014 – NAO ITALIA TOUR 2014-2015

La Fondazione Golinelli di Bologna, in collaborazione con Scuola di Robotica di Genova e Aldebaran Robotics – azienda produttrice di NAO, un robot umanoide, autonomo e programmabile – offre la possibilità a docenti e ricercatori di incontrare i team tecnici e gli ingegneri di NAO. L’evento sarà l’occasione per scoprire le possibili applicazioni di NAO, in primo luogo in ambito didattico.

Immaginate come sarà la nostra vita, in un domani non troppo lontano, quando ci saranno nelle case dei robot umanoidi. È la sfida che vi proponiamo di accettare: immaginare le funzioni, le applicazioni e gli accessori che faranno di NAO un nostro compagno e collaboratore a casa e al lavoro. La giornata si inserisce nell’ambito degli eventi di preparazione al NAO Challenge 2015, concorso annuale di programmazione di NAO esteso a cinque paesi europei, dedicato alle scuole secondarie di secondo grado. NAO Challenge 2015 è articolato in diverse azioni: formazione dei docenti che hanno candidato le classi/studenti (gennaio 2015), programmazione ed esercitazione in classe (febbraio – aprile 2015), finale italiana NAO Challenge (Bologna, maggio 2015). La Fondazione Golinelli di Bologna dedica una giornata a docenti e ricercatori universitari e a docenti di scuola secondaria di secondo grado che avranno l’opportunità di incontrare i team tecnici e gli ingegneri di NAO per scoprire tutte le sue possibili applicazioni per:

‐ suscitare l’interesse degli studenti nei confronti della scienza e della tecnologia, offrendo loro prospettive di carriera attraenti e catturando la loro attenzione offrendo stimoli alla loro immaginazione;

‐ programmare NAO;

‐ scoprire tutto il fascino del mondo della robotica e dello spirito di iniziativa e imprenditorialità che lo contraddistingue, un mondo che unisce senso dell’umorismo, creatività e passione.


24/11/2014 – svelati I NOMI DEI PROGETTI VINCITORI DEL “GIARDINO DELLE IMPRESE” DELLA FONDAZIONE GOLINELLI

16 mila euro alla culla intelligente MOMmut e al braccialetto Zyron

I due migliori progetti ideati dagli studenti che hanno partecipato al Giardino delle Imprese, la scuola informale di cultura imprenditoriale della Fondazione Golinelli gestita dal Trust Eureka, sono MOMmut e Zyron. Riceveranno ciascuno un finanziamento di 8 mila euro, oltre alla possibilità di essere inseriti negli acceleratori del Giardino delle imprese per altri 6 mesi per usufruire dei servizi di training, tutorship, utilizzo degli spazi e delle tecnologie, per realizzare veri e propri esperimenti di imprenditorialità. I due gruppi di ragazzi dei progetti finanziati accederanno dunque alla quarte fase del percorso previsto per loro, quella operativa, dopo aver frequentato la scuola estiva a luglio e dopo aver attraversato con successo la fase assistita di incubazione delle idee tra settembre e novembre.

MOMmut: la culla intelligente 

è il progetto del gruppo Daydreamers, composto da Patrizio A., Benedetta B., Lorenzo C., Francesca C., Anna M., Matilde Z, del Liceo scientifico Paulucci di Calboli di Forlì. MOMmut unisce la familiarità di una culla con gli ultimi traguardi nel campo dei wearable device (dispositivo indossabile) e non solo; garantisce a genitori e figli un sonno e una sicurezza migliori. Grazie a un dispositivo e a un braccialetto hi-tech, MOMmut sarà in grado di capire quando il bambino si sta per svegliare, cercando di farlo riaddormentare.

Motivazione del comitato: per l’attenta analisi dei bisogni della collettività e la creazione di un prodotto orientato al miglioramento delle Smart Cities.

Enahnce your sleep, improve your life: Zyron, il braccialetto che migliora la vita 

è il progetto del gruppo sOmnia composto da Lorenzo D., Riccardo G., Francesca M., Davide N., Ruben N., dell’IIS Alberghetti di Imola. Zyron è un tipo di braccialetto che monitora i parametri biologici; Zyron Home è un oggetto da posizionare in camera propria che controlla l’ambiente e che completa le analisi del braccialetto con la misurazione di una serie di parametri ambientali. Il sistema è intelligente: impara quali sono gli standard di sonno ottimali, fornendo consigli sullo stile di vita, connettendosi ai dispositivi domestici (come il termostato) per regolare l’ambiente in modo da garantire il miglior sonno possibile.

Motivazione del comitato: per l’impeccabile aderenza al bando proposto e per l’attento sviluppo di tutti i diversi ambiti progettuali.

Abbiamo visionato e discusso le 8 idee di imprenditorialità – dice Antonio Danieli, direttore della Fondazione Golinelli – La selezione non è stata semplice, tutti i progetti hanno suscitato profondo interesse e curiosità. Anche per questo il Trust Eureka ha deciso di aggiungere ai finanziamenti dei progetti da inserire negli acceleratori due menzioni speciali e riconoscimenti per tutti i partecipanti”.

Le menzioni speciali vanno a Mo.mo, dispositivo che monitora il livello di stress durante il giorno e la notte, per l’elevata innovazione e la forte creatività alla base del progetto, e a Leuconoe, tecnologia che combatte i rumori attraverso lo studio di onde sonore, per l’originalità del progetto e la particolare attenzione al design dei dispositivi. Il premio consiste in un soggiorno a Milano durante l’EXPO, un’esperienza full immersion in alcune realtà culturali, scientifiche e imprenditoriali d’eccellenza e un buono acquisto alle Librerie.Coop di 70 euro.

Tutti gli altri gruppi riceveranno un buono acquisto alle Librerie.Coop di 50 euro.

SCARICA QUÌ IL COMUNICATO STAMPA UFFICIALE E LA SCHEDA PROGETTI DEI FINALISTI

Il comitato è composto da Marino Golinelli (fondatore e presidente della Fondazione Golinelli), Antonio Danieli (direttore della Fondazione Golinelli, membro del collegio dei trustee del Trust Eureka), Luca De Biase (editor Nova 24-Il Sole 24Ore, membro del collegio dei trustee del Trust Eureka), Riccardo Donadon (fondatore H-Farm Ventures) e Benedetto Linguerri (H-Farm Ventures), Donata Luiselli (docente di Antropologia molecolare al dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dell’Università di Bologna), Matteo Cerri (assistente di Fisiologia al dipartimento di Scienze biomedicali e neuromotorie dell’Università di Bologna), Cristiano Albonetti (ricercatore Cnr di Bologna, docente dell’Università di Bologna).


19/11/2014 – Ricerca e impresa: gli inventori del domani

Presentazioni, premiazioni e finanziamenti dei progetti realizzati durante le scuole estive della Fondazione Golinelli. A seguire lectio magistralis di Nassim Nicholas Taleb, intellettuale di fama mondiale e autore del bestseller “Il cigno nero”.

 Si terrà lunedì 24 novembre, all’Arena del Sole di Bologna, l’evento di presentazione, premiazione e assegnazione dei finanziamenti ai progetti realizzati dagli studenti che hanno partecipato alle due scuole estive della Fondazione Golinelli. I migliori tra i 430 studenti provenienti da 40 diverse città italiane racconteranno i risultati dei lavori svolti durante la scuola sulle scienze della vita (15 giugno-25 luglio 2014) proposta da “Scienze in pratica”. Scienze in pratica è il progetto della Fondazione Golinelli per accendere la passione negli adolescenti tra i 14 e i 19 anni verso le scienze e le tecnologie, mediante la sperimentazione in laboratorio. Sono invece 59 i ragazzi che hanno partecipato al Giardino delle imprese, la scuola informale di cultura imprenditoriale, nata nel 2013 per volontà della Fondazione Golinelli e gestita dal Trust Eureka, per stimolare la creatività e le idee innovative nei giovani che frequentano le scuole superiori. Avviato il 30 giugno 2014 alle Serre dei Giardini Margherita di Bologna – con un campo estivo di 60 ore di lezione tenute da 20 insegnanti, fra studiosi, ricercatori, scienziati, giornalisti e comunicatori – Giardino delle imprese conclude la seconda fase del primo anno di attività il 24 novembre con l’annuncio dei due progetti che entreranno negli acceleratori del Giardino delle imprese per essere sviluppati concretamente. Chiamati a ideare un’applicazione per il monitoraggio del sonno per migliorare la vita dei cittadini nelle Smart Cities, gli studenti di 12 scuole superiori di Bologna, Reggio Emilia, Modena, Forlì presenteranno la loro idea imprenditoriale sulla quale hanno lavorato negli ultimi tre mesi, tra 15 ore di lezione e 18 di lavoro in gruppo. I progetti sono stati sviluppati dagli studenti, accompagnati e seguiti nel loro percorso da uno staff qualificato negli spazi della Fondazione. Otto sono i progetti finalisti, tutti riceveranno un riconoscimento. A disposizione ci sono complessivamente 22 mila euro. I due migliori riceveranno un finanziamento per diventare veri e propri esperimenti di imprenditorialità ed entreranno negli acceleratori del Giardino delle imprese che offrirà per 6 ulteriori mesi sostegni, spazi, training, tutorship. Il comitato che ha selezionato gli esperimenti di imprenditorialità è composto da Riccardo Donadon e Benedetto Linguerri (H-Farm Ventures), Antonio Danieli (direttore generale Fondazione Golinelli), Marino Golinelli (fondatore e presidente Fondazione Golinelli), Luca De Biase (editor Nova 24-Il Sole 24Ore, membro del collegio dei trustee del Trust Eureka), Donata Luiselli (docente di Antropologia molecolare al dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali dell’Università di Bologna), Matteo Cerri (assistente di Fisiologia al dipartimento di Scienze biomedicali e neuromotorie dell’Università di Bologna), Cristiano Albonetti (ricercatore Cnr di Bologna, docente dell’Università di Bologna). (continua a leggere; scarica qui il comunicato stampa)


OTTOBRE 2014

23/10/2014 – LA FONDAZIONE GOLINELLI DEL FUTURO: IDENTITÀ, IMMAGINE, PROGETTI

Grande entusiasmo e sala traboccante per la presentazione delle prossime attività della Fondazione Golinelli che si è tenuta il 21 ottobre presso la Biblioteca di arte e di storia di San Giorgio in Poggiale con la conduzione di Luca De Biase, che ha esordito parlando di sfide e di futuro. Si sono alternati di fronte al pubblico  l’imprenditore e filantropo Marino Golinelli, che raccontato nel suo modo inconfondibile quanto e come i giovani debbano essere curiosi di sapere e affamati di conoscenza (clicca qui per leggere l’intervento), Annamaria Testa che ha presentato il nuovo sistema d’identità della Fondazione, a partire dal marchio (una F e una G che si abbracciano, evocando il simbolo universale del TAO), e Antonio Danieli, direttore Generale che ha illustrato i prossimi importanti progetti appartare dall’apertura dell’opificio Golinelli prevista per il prossimo giugno. Danieli ha anche compiuto una rapida rassegna delle 6 aree progettuali su cui si sviluppa l’attività della Fondazione, che coinvolgono bambini e adulti, artisti e scienziati, studenti e insegnanti: un percorso collettivo verso il sapere. Brevi saluti e completa adesione da parte del Sindaco, del pro rettore alla ricerca dell’università , e del Direttore dell’Ufficio scolastico regionale. (clicca qui per leggere il comunicato stampa)

®immagini fondazionegolinelli.it

Settembre/Ottobre 2014

Sono ripartite le lezioni del Giardino delle imprese, il primo progetto di Eureka Trust, ideato e creato da Fondazione Golinelli di Bologna, per l’insegnamento informale della cultura imprenditoriale e per lo stimolo delle idee innovative dei giovani che frequentano le scuole secondarie.

Lavoro di gruppo per esperimenti di imprenditorialità: il monitoraggio del sonno

(clicca qui per scaricare la scheda)

Dopo la prima fase del progetto – il campo estivo che si è tenuto con successo dal 30 giugno al 9 luglio alle Serre dei Giardini Margherita, in collaborazione con il Comune di Bologna – i 60 ragazzi di 12 scuole superiori di Bologna, Imola, Reggio Emilia, Modena e Forlì entrano nel vivo del lavoro di gruppo che deve sviluppare uno strumento, un dispositivo o un’applicazione sul monitoraggio del sonno per migliorare il funzionamento delle Smart Cities. A novembre 2014 i prototipi degli esperimenti d’imprenditorialità saranno presentati: le idee più interessanti riceveranno un finanziamento ed entreranno negli acceleratori del Giardino delle imprese che offrirà per 8 mesi sostegno, spazi, training, tutorship.

I relatori degli appuntamenti di settembre

  • Giuseppe Cappiello, ricercatore al Dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bologna.
  • Marcel Dirkes, ricercatore presso Philips.
  • Lucia Scapol, responsabile Patent Department presso Alfawassermann.
  • Claudio Lamberti, coordinatore del Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica dell’Università di Bologna.
  • Ornella Russo, gestione risorse elettroniche, ricerche bibliografiche, catalogazione nel Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN) e servizio di prestito inter-bibliotecario presso CNR Area della Ricerca di Bologna.
  • Beth Susanne, Pitch Coach/Kauffman FastTrak Facilitator for European & Silicon Valley Entrepreneurs/Enterprises.

dove e quando: le lezioni, dall’8 settembre al 24 ottobre, si tengono alla Scuola delle idee (ex START), sotto il Voltone del Podestà, piazza Re Enzo. Si terranno venerdì 12 settembre (9.30-17), mercoledì 17 settembre (15.30-17.30) e tutti i venerdì dal 19 settembre al 24 ottobre (15-18).

Infowww.giardinodelleimprese.it


CHE COS’È “GIARDINO DELLE IMPRESE”

Giardino delle imprese va oltre l’offerta di formazione e competenze che fa capo al sistema scolastico e universitario italiano. Non riguarda i rapporti tra università e impresa né l’avviamento al lavoro. Giardino delle imprese è un progetto innovativo nel contesto italiano: un percorso educativo informale che affianca il tradizionale percorso formativo offerto dalla scuola secondaria e dall’università.
In Italia l’età media dei neoimprenditori è 34 anni. È possibile abbassarla intercettando giovani capaci, motivati, coraggiosi, energici, inventivi e creativi già sui banchi della scuola secondaria. Giardino delle imprese prende sul serio le loro idee e li guida a crederci e a valorizzarle. Li aiuta a pensare in grande e a realizzare le loro aspirazioni. Le parole chiave sono: stimoli, fiducia, strumenti concreti, senso della sfida, creatività, passione.