Creare valore al di là del profitto

“A un anno dalla mia nomina alla presidenza del Gruppo Lombardo, ricordo bene lo stato d’animo di quel momento: avevo il desiderio di coagulare le forze di tante persone speciali, come sono i membri della nostra Federazione e del nostro Gruppo, per sviluppare progetti e percorsi nuovi. Avevo in mente il concetto di rete, delle possibilità che essa offre, e della necessità di attivare le forze di tutti per contribuire a fare cose grandi e corali. E avevo in mente il tema del valore diffuso, di produrre valore per le nostre aziende e anche per per la comunità, per i giovani. Ho condiviso questo desiderio con i miei colleghi, membri del Consiglio direttivo, e con altri amici, e ne sono nati quattro gruppi di lavoro, che stanno procedendo in diverse attività. Il gruppo Competitività sta analizzando differenti possibilità di mettere in collegamento il mondo della ricerca e dell’accademia e quello delle imprese che innovano. Esplora il tema della semplificazione, per creare un ponte tra impresa e pubblica amministrazione. Anche il gruppo Imprenditorialità si snoda in due capitoli, uno è un progetto già in fase operativa per la formazione degli studenti universitari su temi trasversali, utili per il mondo del lavoro. Il secondo capitolo, sul passaggio generazionale, è un progetto che unisce l’analisi dei casi reali con incontri e progetti di approfondimento. Il gruppo Identità ha elaborato un questionario per i Cavalieri del Lavoro lombardi, utile a indagare l’esistente e a pianificare alcune attività di posizionamento. Trasversale ai tre gruppi precedenti è Comunicazione, che con Ergonews, il nostro giornale online, supporta il lavoro dei Gruppi. È uno spazio a disposizione di tutti, sul quale pubblicare idee, notizie, commenti. Il workshop Creare valore al di là del profitto è abbastanza diverso dalla consuetudine e dalle modalità dei Cavalieri: innanzitutto perché è un lavoro “nostro”, che si è potuto realizzare grazie all’impegno personale e volontario di tutti i membri del Consiglio. Ma è anche il tentativo di fare un salto in avanti, utilizzando metodi e processi innovativi, come la Gara di idee che stiamo lanciando in collaborazione con Italia Camp. Crediamo che questo sia il momento di uscire dagli schemi. Crediamo che si debba continuare a costruire, ricominciare a condividere le esperienze coi giovani. Crediamo di dover ripartire dalla formazione, lasciando ove possibile delle eredità positive e durature. Tutto questo per dirvi che abbiamo lavorato in questo ultimo anno per provare a creare valore. Valore al dì la del profitto, come dice il nostro titolo. E a condividerlo tra noi, e con chi vorrà partecipare alle nostre iniziative”.