Rimettere al centro l'impresa per far rinascere l'Italia

Schermata 2015-06-25 alle 13.48.57 Schermata 2015-06-25 alle 13.49.14Schermata 2015-06-25 alle 13.47.41

Per far rinascere l’Italia, creare nuova occupazione, ridurre le diseguaglianze e le iniquità, recuperare primati nella cultura, nell’innovazione e nella qualità della vita occorre ridare centralità all’impresa, il vero grande motore dello sviluppo non solo economico ma anche sociale, civile e culturale.

Il sistema industriale italiano, che negli ultimi dieci anni ha perso peso, occupati e posizioni, deve dunque tornare ad essere il motore della crescita. Può e deve essere un punto di forza per recuperare ruolo e prestigio in Europa e nel mondo.

Ma in un quadro globale dell’economia sempre più dinamico e soggetto a forti discontinuità non bastano più talento e imprenditorialità diffusa. Occorrono anche politiche di sistema che ci consentano di recuperare competitività, dinamismo e crescita.

Vanno definitivamente recisi i tanti nodi irrisolti con i quali il Paese è costretto a fare i conti. Nodi strutturali che continuano a fare la differenza fra l’Italia e i suoi diretti concorrenti globali e che dettano l’agenda di Governo.

Solo con una energica politica di riforme, che sia espressione di un forte radicamento in Europa, sarà possibile rimuovere gli ostacoli alla crescita, tornare ad essere competitivi, far ripartire il Paese.

Sfide importanti che si possono vincere se tutti insieme riusciremo a vivere da protagonisti una grande stagione di riforme per ricostruire la fiducia, la speranza e la voglia di futuro, tornando a crescere e a competere sui mercati globali.


Scarica qui le due versioni cartacee di ERGONEWS distribuite durante la  giornata di lavoro:

ERGONEWS - ed. mattina
ERGONEWS – ed. mattina
ERGONEWS ed. della sera
ERGONEWS ed. della sera