Fruïter, Jofruit, Adotree: 24 mila euro ai tre progetti vincitori del Giardino delle Imprese

A Opificio Golinelli 12 mesi di tutorship e consulenza


DSC_5368Bologna, dicembre 2015 – Un’applicazione che consente la localizzazione dei mercati di frutta più vicini al cliente condividendone l’acquisto sui social per ottenere sconti (Fruïter); confezioni giocattolo per la frutta, modulari e impilabili per bambini (Jofruit); una piattaforma web per l’adozione di un albero da frutta di un produttore locale, con possibilità di scegliere il metodo di coltivazione da utilizzare, per poi ricevere il raccolto a giusta maturazione (Adotree).

Sono questi i tre migliori progetti ideati dagli studenti che hanno partecipato alla seconda edizione del Giardino delle Imprese, la scuola informale di cultura imprenditoriale della Fondazione Golinelli di Bologna. Riceveranno ciascuno un finanziamento di 8 mila euro fino a dicembre 2016 (messi a disposizione da Unindustria Bologna e Gruppo Emiliano Romagnolo dei Cavalieri del Lavoro), oltre all’inserimento nell’acceleratore del Giardino delle imprese per altri 12 mesi per usufruire dei servizi di training, tutorship, utilizzo degli spazi e delle tecnologie a Opificio Golinelli, per realizzare veri e propri esperimenti di imprenditorialità.

Motivazioni dei vincitori (8 mila euro a progetto)

Fruiter
Fruiter

Il gruppo Fruïter vince per il progetto dettagliato sostenuto da un’approfondita analisi di mercato, che supporta la diffusione e la vendita del prodotto locale di altissima qualità con mezzi digitali.
Il gruppo Jofruit vince per gli aspetti innovativi nel campo del packaging e l’attenzione al mondo dei bambini; progetto sviluppato in maniera approfondita su più livelli. Il gruppo Adotree vince per l’idea innovativa, sostenuta da una buona analisi di mercato, e per la capacità di portare l’acquisto di frutta nel digitale, mantenendo il contatto diretto con il produttore locale.

Adotree
Adotree

Menzioni speciali (tutoraggio fino a maggio 2016 con assegnazione di un box a Opificio)
Le menzioni speciali vanno a B.I.O. Fruit, distributore automatico che eroga macedonie o frullati di frutta direttamente dalla materia prima stoccata all’interno del distributore.

Jofruit
Jofruit

Menzione per l’idea innovativa, aderente alle richieste del progetto; si distingue per l’elevata innovazione e la forte creatività del progetto.
Menzione anche per FruFight, gioco per smartphone e tablet destinato a bambini e ragazzi (5-18 anni) per educare sull’importanza della frutta: per l’idea innovativa, aderente alle richieste del progetto; si distingue per l’accento posto sull’educazione alla corretta nutrizione.

La giuria, che ha selezionato fra 10 progetti, è composta da membri esterni afferenti alla Fondazione Golinelli, H-Farm, Unindustria Bologna e Gruppo Emiliano Romagnolo dei Cavalieri del Lavoro.

I ragazzi – provenienti da 17 scuole della regione Emilia-Romagna – sono stati chiamati a sviluppare soluzioni innovative per supportare l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese del settore alimentare italiano, con l’obiettivo di migliorare la filiera produttiva della frutta in Emilia-Romagna. L’idea era da sviluppare partendo dagli scenari di consumo contemporanei, focalizzandosi sugli strumenti di confezionamento, marketing, distribuzione e vendita. Obiettivo: rendere la frutta locale un prodotto commercialmente più appetibile nei mercati globali, valorizzando la qualità del Made in Italy, senza comprometterne le caratteristiche organolettiche.

La premiazione si è tenuta a Opificio Golinelli nell’ambito della tre giorni che la Fondazione Golinelli dedica all’innovazione, alla sperimentazione e al saper fare.

Giardino delle imprese è la scuola informale nata nel 2013 per volontà della Fondazione Golinelli e gestita dal Trust Eureka. Si rivolge a studenti del III e del IV anno delle scuole secondarie di secondo grado e da febbraio 2016 partirà il percorso universitario Giardino delle imprese-Icaro, palestra di imprenditorialità con workshop, lezioni e sperimentazioni. Partner del Trust Eureka, oltre al Comune di Bologna e H-Farm, per l’edizione 2015-2016 sono Unindustria Bologna, Gruppo Emiliano Romagnolo dei Cavalieri del Lavoro, Alfa Wassermann, Cast, Ufficio scolastico regionale per l’Emilia-Romagna. Per la parte scientifica collaborano ASTER, consorzio regionale per l’innovazione, CINECA, Istituto Italiano Imprenditorialità, Marconi Institute for Creativity, FabLab Bologna-MakeInBo. Patrocinio di Expo Milano 2015 e Bologna City of Food.


Il Giardino delle Imprese