Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte: Newsletter Luglio 2018

I video di “Artigiano del Cuore” sono ora online!

Sono online su well-made.com i video-documentari, realizzati in collaborazione con Brevimano, dei vincitori del concorso indetto da Wellmade “Artigiano del Cuore”, conclusosi lo scorso 9 aprile. Le categorie che si sono confrontate in questa prima edizione sono “Arredare e decorare” e “Vestirsi e ornarsi”. Ad aggiudicarsi la vittoria Fabrizio Travisanutto di Travisanutto Mosaics e Sandro Barbera & Figli.

Fabrizio è un artigiano della millenaria tecnica del mosaico, mestiere che ha ereditato dal padre Giovanni, Maestro mosaicista friuliano noto in Italia e nel mondo, e che oggi prosegue con passione e dedizione. Sandro Barbera vanta 50 anni di lavoro appassionato nel mondo della calzatura “su misura”; mestiere che ha trasmesso ai figli Stefano e Andrea, che oggi lavorano al suo fianco con il medesimo entusiasmo e orgoglio.
Leggi di più

Maurizio Tittarelli Rubboli, l’alchimista del terzo fuoco

Nato nel 1959 a Macerata, già da ragazzo è attivo nella bottega di famiglia, passata da padre in figlio fin dal 1873 quando il bisnonno Paolo fondò la manifattura Rubboli e reintrodusse nel territorio di Gualdo Tadino (Umbria) la tecnica dei lustri oro e rubino di tradizione mastrogiorgesca. Usa ancora oggi gli antichi forni ottocenteschi a muffola dove i pezzi vengono cotti a terzo fuoco con legna e ginestra secca, secondo la tecnica descritta dal Piccolpasso nel suo manoscritto “i tre libri dell’arte del vasaio” del 1558.

Ci racconti la sua storia. Quando ha iniziato la sua formazione?
Per questa risposta ci vorrebbero pagine e pagine. Nella mia famiglia la tradizione ceramica è sempre stata viva e presente. Si parlava di “segreto” per qualsiasi attività legata alla bottega e questo, nella mia mente di bambino ha scatenato sogni, fantasie e anche qualche paura.

Questi misteri erano conoscenze di mia madre, una donna di carattere, che mi avrebbe insegnato tutto, ma con la promessa che mi sarei laureato, come mio padre prima di me. Mamma era una donna che aveva vissuto sulla propria pelle varie crisi economiche, compresa quella del ‘29, che aveva costretto la sua famiglia a vendere la grande casa e a ridurre drasticamente il personale della manifattura. Si può dire che la mia formazione è iniziata alla mia nascita, mentre il lavoro da ceramista dopo il 1985, anno in cui ho realizzato il mio primo manufatto: avevo 26 anni. In seguito ho approfondito ricerche, tecniche e innovazioni riguardanti la mia tradizione familiare e oggi sono quell’ultimo anello della catena che produce maiolica a lustro di tradizione mastrogiorgesca dal 1873.
Leggi di più

TERRA identità, luogo, materia – La ceramica in mostra a Grottaglie

Fino al 30 settembre, presso l’Antico Convento dei Cappuccini di Grottaglie (TA), è possibile visitare l’esposizione “TERRA identità, luogo, materia”, realizzata nell’ambito della grande Mostra della Ceramica 2018.
46 opere provenienti da ogni parte del mondo declinano l’arte della ceramica, materiale lavorato a Grottaglie fin da tempi antichissimi: argilla che diviene terracotta, oggetto di alto artigianato ed espressione di orgogliosa identità.
Leggi di più

Aperte le candidature per i tirocini promossi da Fondazione Cologni

Al via la settima edizione del progetto “Una Scuola, un Lavoro”, promosso dalla Fondazione Cologni, e dedicato anche quest’anno ai giovani artigiani, aspiranti maestri di domani.
È ora online sul sito www.unascuolaunlavoro.it il bando rivolto alle Scuole di artigianato artistico di tutta Italia, che possono candidare i neo-qualificati, neo-diplomati o neo-laureati più meritevoli, entro e non oltre il 30 settembre 2018. Il progetto offre ai 20 vincitori del bando 2018/2019 la possibilità di frequentare gratuitamente un “Mini Master” tenuto dai docenti dei più prestigiosi atenei milanesi. A seguire la formazione in bottega, con un tirocinio extra-curricolare retribuito di sei mesi, per imparare il mestiere a fianco di un grande maestro artigiano.
Leggi di più

I gioielli di Gio’ Pomodoro: il segno e l’ornamento

Fino al 2 settembre è possibile visitare, presso il Museo del Gioiello di Vicenza, la mostra “I gioielli di Gio’ Pomodoro: il segno e l’ornamento”, una rassegna interamente dedicata alla produzione orafa di uno dei maggiori esponenti del panorama artistico del Novecento. Un’ampia selezione (oltre 60 opere) del lavoro del Maestro, curata da Paola Stroppiana, con opere provenienti da collezioni private raramente accessibili al pubblico.
Leggi di più

Homo Faber: Crafting a more human future

Un appuntamento da non perdere quello con “Homo Faber: Crafting a more human future”, la prima grande mostra sull’eccellenza artigiana europea, organizzata da Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship, in collaborazione con Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, La Triennale di Milano, Fondation Bettencourt Schueller e Fondazione Giorgio Cini.
Per la prima volta i migliori maestri d’arte di tutta Europa sono riuniti su un unico grande palcoscenico: la Fondazione Giorgio Cini sull’isola di San Giorgio Maggiore a Venezia. 4000mq dedicati alla maestria, all’arte e alle arti applicate oggi.
Leggi di più

Eau de Cologní
 Gocce di saggezza

Franco Cologni
Marisilio Editori, Milano, 2018

Eccellenza, Passioni, Bellezza, Italia: sono le quattro sezioni che compongono il volume “Eau de Cologní”, un insieme di riflessioni affidate alla carta negli anni da Franco Cologni, fondatore e Presidente dell’omonima fondazione. Chi si accinge alla lettura di questo piccolo e godibilissimo tascabile si immergerà nella vita piena, frenetica, ricca di esperienze ed entusiasmi, ma anche di curiosità e invenzione di una delle personalità più autorevoli e creative nel mondo del lusso, delle arti applicate e dell’artigianato d’eccellenza.
Lungo tutto il corso della sua vita Franco Cologni, manager e uomo di cultura, si è interrogato su questi argomenti, che sono divenuti parole d’ordine nella sua attività di mecenate delle arti applicate e dell’alto artigianato d’eccellenza italiano. Valori sempre presenti nella sua vita e nei suoi scritti, fondamentali per dare visibilità alla grandezza dei nostri mestieri d’arte, vero fiore all’occhiello di una tradizione secolare e radice del made in Italy che il mondo ama e desidera.
Cesare De Michelis introduce così, con affetto e stima, questo libro: “Questa raccolta di pensieri di Franco Cologni è vibrante di una ‘tensione verso il nuovo’ che attraversa vivida l’intero percorso di una vita della quale il bilancio sintetico è lui stesso a trarlo con chiarezza esemplare: se inseguire il cambiamento ‘ci porta ad annoiarci di quello che abbiamo fatto, costruito, accumulato, fino a renderci insofferenti e infelici’, perché i cambiamenti ci disorientano, ‘li temiamo, come si ha paura di ogni cosa nuova e inaspettata: e in questa distanza tra ciò che desideriamo e ciò che rifuggiamo c’è il germe dell’infelicità’, è necessario innovare rispettando i saldi e duraturi valori della tradizione”.
Maggiori informazioni