Lunedì 22 ottobre 2018 si è svolta presso il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, l’Assemblea annuale dei Soci del Gruppo Lombardo.

Nella parte istituzionale il Presidente Cav. Lav. Luigi Roth ha illustrato il consuntivo delle attività del Gruppo Lombardo che riguardano tre linee di intervento: giovani, formazione e lavoro. Ha inoltre approfondito le iniziative già in corso e future: il progetto per la realizzazione di una pensilina nel centro operativo comunale di Amatrice e il progetto del corso “Imprenditorialità, industria e sviluppo”.

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA PENSILINA NEL CENTRO OPERATIVO COMUNALE DI AMATRICE

Il progetto riguarda la realizzazione di una pensilina nel Centro Operativo Comunale (COC) di Amatrice, a copertura di tre edifici di interesse pubblico e su un terreno pubblico, per conto del Gruppo Lombardo dei Cavalieri del Lavoro. L’idea nasce dalla disponibilità di una donazione di circa 300mila euro, effettuata da alcuni Cavalieri del Lavoro soci del Gruppo Lombardo, per realizzare un’opera significativa e simbolica che testimoni la solidarietà della Lombardia nei confronti di Amatrice e delle persone vittima del sisma del 2016.

La fase preliminare è consistita nell’individuazione dell’intervento, grazie a un contatto del presidente del Gruppo Lombardo Luigi Roth sia con il Comune di Amatrice sia con lo Studio Boeri di Milano, che nello stesso luogo ha realizzato alcuni interventi analoghi su una donazione del Corriere della Sera e altri Partner.

Dopo aver selezionato alcune proposte, la scelta è caduta su una pensilina da realizzare all’interno del Parco comunale Don Minozzi, un luogo di grande portata simbolica per la rinascita di Amatrice. Lì, infatti, hanno avuto inizio le prime attività di emergenza dopo il sisma e da lì è iniziata la “rinascita” della città di Amatrice.

La pensilina si colloca al centro del parco, dove da un lato è stato costruito un giardino e dall’altro sorgeranno il Museo della montagna su donazione del Cai e un anfiteatro donato da Avis. Tre le strutture coperte dalla pensilina: l’anagrafe, donata dal Comune di Milano, il Centro operativo del Comune e una palazzina in via di realizzazione, su donazione di Enrico Brignano, che ospiterà il plastico della vecchia e della nuova Amatrice.

L’impresa Italiana Costruzioni di proprietà di Attilio Navarra, sta contribuendo al progetto per la parte di ingegneria. Il Gruppo Lombardo ha affidato a un architetto il coordinamento dell’intero sviluppo del manufatto.

Dopo aver raccolto alcune offerte è stata selezionata l’impresa di Costruzioni, Acasa Building, che ha già effettuato altre realizzazioni in loco.

Oltre alla somma raccolta tra i soci del Gruppo Lombardo, per la realizzazione dell’opera è stato possibile ottenere alcune forniture a prezzi agevolati, o a titolo di donazione, da parte di alcune aziende dei Cavalieri del Lavoro, in particolare da Gewiss per le forniture elettriche (Cav. Lav. Domenico Bosatelli) e da Guzzini Illuminazione per i corpi illuminanti (Cav. Lav. Adolfo Guzzini del Gruppo Centrale)

Ad oggi
La pratica è stata protocollata al Genio civile, che ha già nominato il RUP, attendiamo conferma definitiva entro i primi giorni di novembre.
L’impresa ha confermato che l’inizio dei lavori è possibile a partire da quella data, compatibilmente con la manifestazione di inaugurazione del plastico della nuova Amatrice, che dovrebbe avvenire a fine ottobre. Sono previste circa 4/5 settimane per la realizzazione delle fondazioni e predisposizione degli impianti e altre 4/5 settimane per la posa in opera della struttura e per le opere edili e di finitura.
Fine lavori gennaio 2019 compatibilmente con la situazione metereologica.


PROGETTO DEL CORSO: “Imprenditorialità, industria e sviluppo”

Con l’obiettivo di creare un canale di comunicazione fra Università e Impresa che coinvolgesse attivamente i Cavalieri del Lavoro, il Gruppo Lombardo ha intrapreso il progetto di un corso dedicato agli studenti universitari, da proporre alle facoltà di Ingegneria ed Economia – ma anche aperto a studenti interessati provenienti da altre facoltà – sul tema “Imprenditorialità, industria e sviluppo”.

La proposta di corso, tesa a far nascere momenti di confronto/discussione tra accademici imprenditori e studenti, alterna momenti di teoria e di testimonianza mirata da parte di Cavalieri del lavoro sui temi dell’imprenditorialità, per incoraggiare un approccio multidisciplinare e sperimentare forme di didattica innovativa, oltre che incentivare lo scambio di esperienze tra il mondo degli imprenditori con posizioni riconosciute e consolidate, e giovani che si avvicinano al mondo del lavoro.

Il corso è stato proposto a tre università lombarde: Politecnico di Milano, Università di Pavia e Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Con le prime due università sono in progettazione per il 2019 due corsi “pilota”, cicli brevi di 5/6 incontri strutturati che prevedono intervento di un Docente, con una lezione che introduca i principali temi e tracci lo scenario nel quale si inserisce l’intervento di un Cavaliere del Lavoro. La testimonianza del Cavaliere del Lavoro è stata pensata in forma di intervista, proprio perché sia focalizzata sui temi specifici della lezione.

Il primo dei due corsi pilota, quello presso il Politecnico di Milano, è stato programmato per i febbraio-marzo 2019. È incardinato tra i corsi di Azione 2, ovvero un programma di didattica innovativa che offre ai partecipanti alcuni crediti formativi. Facoltà: Architettura e Ingegneria
Il corso intero verrà inserito sempre in Azione 2, nell’AA 2019-2020.
Nella aprile-maggio 2019 ipotizziamo di tenere il corso presso l’Università di Pavia, sempre con il focus sulla testimonianza dei Cavalieri del Lavoro, all’interno di un percorso teorico e didattico guidato di volta in volta da Docenti di varie discipline. Facoltà: Ingegneria/Economia.
Il corso intero verrà programmato nell’AA 2019-2020
Con Università Cattolica il corso dovrà essere in parte riprogettato, vista l’intenzione di aprirlo non soltanto agli studenti di Economia ma anche ad altri Corsi di Laurea in discipline umanistiche, che quindi presentano un differente background e necessitano di lezioni di inquadramento e chiavi di lettura ad hoc.
Il corso pilota verrà attivato nell’AA 2019-2020.
Il Gruppo Lombardo per la realizzazione dei corsi dovrà sostenere un onere finanziario che potrà essere ripartito nei bilanci 2019/2020 ma che si spera possa essere contenuto grazie al supporto delle strutture universitarie nonché attraverso la sponsorizzazione delle aziende dei Cavalieri del Lavoro coinvolti nel progetto.

È seguita la tavola rotonda “Cultura, Arte e Territorio: patrimonio per noi e valore per il turismo” coordinata dal Presidente Cav. Lav. Luigi Roth.
Sono intervenuti nel dibattito oltre l’Arch. Stefano Boeri, Presidente Triennale di Milano e Professore Ordinario di Urbanistica Politecnico di Milano, che ha parlato su come valorizzare e intervenire sul territorio con progetti di collaborazione impresa-istituzioni; il Prof. Lamberto Duò, Prorettore e Professore Ordinario di Fisica Sperimentale al Politecnico di Milano che ha raccontato l’idea condivisa con il Politecnico di Milano sulla didattica innovativa, fatta di lezioni e testimonianze dei Cavalieri del Lavoro; il Cav. Lav. Luca Patanè, Presidente di Uvet e della Fondazione Atlante come testimonianza del collegamento tra impresa e cultura (Arte) e il Prof. Fiorenzo Galli, Direttore Generale del Museo della Scienza e della Tecnologia, che ha auspicato la necessità di una rivoluzione culturale nel turismo e quindi una reinterpretazione e una riqualificazione non soltanto dei luoghi ma anche delle strutture.

Il Cav. Lav. Giancarlo Dallera riceve l’oggetto simbolo di appartenenza
al Gruppo Lombardo dal Presidente Cav. Lav. Luigi Roth

Il Cav. Lav. Gino Del Bon riceve l’oggetto simbolo di appartenenza
al Gruppo Lombardo dal Presidente Cav. Lav. Luigi Roth